Stampa
03
Mar
2010

LA MEMORIA DI FABER

Pin It

Il Comune di Genova proporrà nuovi termini per il bando finalizzato all’assegnazione della gestione dell’ex negozio di Gianni Tassio. Molti soggetti hanno manifestato interesse ed è stato chiesto, dopo i sopralluoghi effettuati, un tempo maggiore dei canonici 40 giorni – il bando scadeva il 1° marzo – per formulare una proposta che esaltasse le potenzialità non soltanto artistiche ma anche turistiche per l'intera città di Genova dello storico negozio di Via del Campo.
 
In questi anni il negozio di Tassio, recentemente acquistato con i tantissimi dischi, i ricordi e le “tracce” di Faber,  tra cui anche la sua chitarra “Esteves”, dal Comune di Genova, è diventato uno dei luoghi di culto dei tanti fan di Fabrizio De Andrè, meta di veri e propri pellegrinaggi da ogni parte d'Italia.

Chi si aggiudicherà il bando di gara – a breve verranno comunicati i nuovi termini – potrà accedere ad un finanziamento di 80 mila euro per ristrutturare i locali, che avrà in gestione – insieme ai dischi e alle preziose testimonianze di De Andrè – per 9 anni. All'interno potrà effettuare attività commerciale, organizzare eventi e mostre, insomma mantenere vivo il ricordo di una delle voci più significative della canzone d'autore italiana.

L'attività avrà dunque una connotazione culturale e turistica, oltre che commerciale. Il soggetto vincitore dovrà formulare proposte per la valorizzazione della ricca collezione discografica e documentale e prevedere anche l'esposizione di alcuni pezzi presso il negozio. Il Settore Musei ne approverà la programmazione culturale e la inserirà nelle attività di promozione e valorizzazione del Ghetto genovese, su cui l'Amministrazione civica è intervenuta e ha intenzione di intensificare la sua attenzione, e più in generale del Centro Storico con particolare riferimento al sito UNESCO “Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli”.

La gestione dovrà rivolgersi non solo agli appassionati, ma ai cittadini tutti e ai turisti, con attività promozionali, culturali  e commerciali  e anche l’offerta dei prodotti in vendita potrà riguardare non soltanto temi musicali, ma anche più in generale la città, il suo patrimonio, le sue tradizioni.