Stampa
23
Mag
2010

REGIONE LIGURIA, NUOVE SPIAGGE A VESIMA A VOLTRI

Pin It

GENOVA. Sopralluogo a Vesima,  con la partecipazione del presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando, della vicepresidente Fusco, dell’assessore regionale al Turismo Berlangieri, dell’assessore comunale Farello, dell’assessore provinciale Dagnino e del presidente del Municipio Avvenente.
Insieme ai tecnici e a altri consiglieri comunali e provinciali sono stati esaminati i lavori in corso per la realizzazione di due pennelli presso punta Nave, che consentiranno il ripascimento e la generazione di un tratto di spiagge che erano state praticamente eliminate dalle mareggiate e dalle opere di ampliamento dell’Aurelia. Il bel tempo di oggi ha attirato la presenza di numerosi bagnanti nella spiaggia che già si è riformata nell’ultimo periodo, nonostante il traffico dei camion che stanno portando a mare i massi per realizzare le opere.
Si tratta di interventi finanziati dalla Regione Liguria per circa 4 milioni di euro. L’appalto, alla fine aggiudicato per un importo di 1 milione e 980 euro, ha consentito un ribasso d’asta che ha messo a disposizione altre risorse per circa 1 milione e 600 mila euro. “Queste risorse – ha affermato Burlando interloquendo con gli altri amministratori e i tecnici – potranno essere ridestinate alle opere necessarie in questa zona. E’ opportuno che tutti i soggetti interessati stabiliscano rapidamente quali opere vanno considerate prioritarie”. A Burlando e agli altri amministratori è stato segnalato, in particolare da parte dei consiglieri Nacini e Pastorino, l’esistenza di altri problemi: un tratto della massicciata che sorregge l’Aurelia danneggiato dalle recenti mareggiate, che può far pensare a rischi per la sicurezza, e l’opportunità di recuperare il camminamento a mare della vicina galleria Tortuga. Per quanto riguarda i danni all’Aurelia Burlando ha immediatamente contattato l’ANAS perché sia effettuato un controllo. Un altro problema affrontato è la migliore sistemazione ambientale del pennello in costruzione a punta Nave, che dal versante a levante espone un’opera in cemento. Si pensa però – ha confermato il direttore dei lavori ing. Traverso – a mettere in sicurezza e a coprire  anche questo lato con massi e scogli che conferiranno anche una più gradevole configurazione paesistica all’opera.