Stampa
22
Set
2010

SALONE NAUTICO. PRESENTATA LA CINQUANTESIMA EDIZIONE

Pin It

Presentate oggi a Genova, nella sede della Capitaneria di Porto, le ultime fasi di preparazione e lo speciale programma di festeggiamenti e di accoglienza della città per la 50^ edizione del Salone Nautico Internazionale in programma dal 2 al 10 ottobre. Alla conferenza stampa, ospiti del comandante generale delle Capitanerie di Porto amm. Ferdinando Lolli e del direttore

marittimo della Liguria Amm. Felicio Angrisano, sono intervenuti la sindaco di Genova Marta Vincenzi, il presidente di Fiera di Genova Paolo Lombardi e il presidente di UCINA-Confindustria Nautica Anton Francesco Albertoni.

 Fortissimo l’impegno del Tavolo di promozione della città e della Regione Liguria con un programma promozionale di livello internazionale. Tre i punti cardine: la serata di domenica 3 ottobre, dedicata agli espositori e agli ospiti della manifestazione, con il concerto di Gino Paoli sulla terrazza fronte mare del padiglione B progettato da Jean Nouvel, la presenza di Genova alle celebrazioni del Columbus Day a New York con una serie di iniziative tra cui uno spot da 30” su Genova e i grandi appuntamenti internazionali, quali il Salone Nautico e Euroflora, che andrà in onda sulla NBC (tre passaggi, 60 milioni di contatti) e il “Progetto accoglienza”: 13 bus navetta per collegare stazioni ferroviarie, parcheggi e i principali alberghi cittadini al quartiere fieristico, 2 shopping bus per il centro, 5 info point nei più prestigiosi hotel genovesi e lo stand al Salone con tutte le informazioni turistiche sulla città.

 
La rassegna conferma le presenze stimate a inizio estate con 1.400 espositori e 2.300 barche Delle imbarcazioni in esposizione, ben il 60 % del totale è inferiore ai 10 metri. Alto il tasso di internazionalità con oltre il 36% di espositori esteri da 39 Paesi, 19  sono extra UE. Supera 500 il numero delle novità, a testimonianza dell’impegno delle imprese in tema di ricerca e sviluppo come antidoto alla crisi. Un quadro che attesta la vitalità della manifestazione in uno scenario economico mondiale che obbliga le aziende a strategie commerciali selettive, accreditandola sempre di più come appuntamento imprescindibile per il mercato. Tra le regine del Salone il Perini Fivea, uno sloop di 45 metri dei cantieri di Viareggio che si annuncia come un concentrato di eleganza di stampo classico e altissima tecnologia. Novità di quest’anno saranno le prove in mare: una quindicina le imbarcazioni disponibili, su appuntamento, messe a disposizione dai cantieri. Saranno ormeggiate sulla banchina più esterna, accanto all’attracco dei battelli di collegamento.

 Per un pubblico attento a tutti i dettagli e per gli operatori professionali, il Salone Nautico Internazionale offre TechTrade, la sezione dedicata ai componenti e agli accessori per la nautica da diporto che nelle giornate di lunedì 4 e martedì 5 ottobre sarà riservata preferenzialmente all’incontro b2b tra gli operatori della filiera nautica.

 Il Salone 2010 conferma il suo lay out, apprezzato dal pubblico per la facilità di individuazione dei diversi settori merceologici e per la spettacolarità della parte floating, oltre centodiecimila metri quadrati di specchio acqueo, e nove chilometri di percorsi sul mare. Confermato l’utilizzo della darsena di ponente per il settore vela,  le superfici a terra – quattro padiglioni, una tensostruttura sul mare e ampi spazi outdoor – sono state ulteriormente rivisitate  negli allestimenti.

 La preparazione

Il Salone Nautico è una macchina complessa la cui pianificazione coinvolge gli organizzatori per l’intero anno. L’allestimento è impegnativo e consiste in una prima fase di lavori per la realizzazione delle grandi aree preallestite e delle grandi coperture che rendono sempre più confortevoli anche le aree espositive all’aperto, e in una seconda fase, partita ufficialmente ieri,  dedicata all’arrivo delle merci e al montaggio dei singoli stand, all’ingresso e alla movimentazione delle barche. Oltre 80mila metri quadrati di moquette utilizzata, più di 30 mila i mq di tendostrutture e più di 15 mila i mq di pre-allestiti, 13 i Mw di energia elettrica impegnata. Fino a venerdì 1° ottobre, giornata dedicata alle rifiniture, si alterneranno al lavoro oltre diecimila persone. Solo per le movimentazioni saranno impegnati circa 60 addetti con 12 gru, con portata da 20 a 200 tonnellate, 9 carrelli radiocomandati, 16 carrelli elevatori e 3 motrici per il traino. Nelle marine è stato già completato l’esodo delle imbarcazioni ormeggiate durante il resto dell’anno, perlopiù trasferite nel canale di calma di Genova Prà,  per fare spazio alle oltre 500 che saranno esposte in acqua, lungo i trenta pontili e banchine – per uno sviluppo complessivo di 3 chilometri e mezzo – destinati all’attracco. Nei giorni di punta saranno impiegati 8 ormeggiatori, 6 operatori subacquei e 5 gommoni che, al termine di questa fase, saranno impiegati anche per la pulizia degli specchi acquei. Oltre 150 gli addetti alle pulizie di Geam-Gruppo Amiu per smaltire le  150 tonnellate di rifiuti previste; 28 i mezzi utilizzati tra camion, motocarri e furgoni, 150 i cassonetti, i compattatori e i cassoni destinati alla raccolta differenziata di legno, plastica, carta, vetro e lattine prodotti durante queste intense giornate di preparazione. La raccolta differenziata, testata positivamente lo scorso anno, proseguirà nei giorni di manifestazione.

Ai servizi agli espositori e, nelle giornate di apertura, alle biglietterie e all’accoglienza del pubblico lavorano circa duecento persone, per molti di loro si tratta di una prima, formativa esperienza di lavoro durante il percorso di studio.

 Il portale di Levante e l’accessibilità al quartiere fieristico

Conclusi i lavori di rifacimento della porzione sud della copertura del Bisagno, la viabilità è sostanzialmente migliorata con l’ampliamento della rotatoria a fine sopraelevata ed è in fase di completamento l’arredo verde di viale Brigate Partigiane, e della stessa porzione centrale della rotatoria, con l’installazione di ampie zone di prato e la messa a dimora di piante verdi e fiorite di vari colori. Operazione che conclude la risistemazione dell’area, iniziata a febbraio con il riposizionamento della statua al navigatore di Antonio Maria Morera, costruita nel 1938 in occasione della visita di Mussolini.

 Grazie al ponte provvisorio, realizzato in occasione del cantiere, l’accesso viario al quartiere fieristico risulta ora a doppia carreggiata, facilitando così l’ingresso e l’uscita dei mezzi durante le fasi di allestimento e disallestimento. Migliorati anche gli accessi per il pubblico grazie a una nuova configurazione, più funzionale,  per il portale d’ingresso di piazzale Kennedy, rimontato nelle scorse settimane dopo quasi un anno dall’inizio dei lavori che hanno interessato direttamente il piazzale. Per ridurre al minimo i tempi di attesa per i visitatori all’ingresso i tornelli  sono passati da ventiquattro a trentadue.