Stampa
13
Apr
2010

TERZO CONVEGNO NAZIONALE DEL DIPORTO

Pin It

A rischio scomparsa un'intera categoria di marittimi. Il Collegio Nazionale Capitani L.C. e M. organizza il III Convegno nazionale del diporto, che si terrà a Venezia il prossimo 28 aprile, alle ore 10.00, presso Stazione Marittima Tronchetto, Terminal 103 Sala Foyer (all'esterno ampio parcheggio gratuito).
L'appuntamento, inserito dall'IMO nel programma delle manifestazioni del 2010 Year of the Seafarer-Lavorare con il mare, gode fra gli altri, del patrocinio di IMO, IMSSEA, RAI Segretariato Sociale, IPSEMA, Regione Veneto e Autorità Portuale di Venezia.
Collocazione socio-politica e culturale degli equipaggi del diporto, modifiche in corso al codice della nautica, riconoscimento internazionale dei titoli professionali, saranno i temi portanti del convegno.
Il Collegio Nazionale Capitani collabora alle trattative presso il ministero dei Trasporti per modificare l'attuale legislazione sui titoli professionali del diporto, settore dove i marittimi italiani sono particolarmente penalizzati. A seguito di un recente decreto (146) le attribuzioni su formazione e titoli della Gente di mare sono state separate: per  il Mercantile è responsabile il  Comando Generale delle Capitanerie di Porto; per il Diporto il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Nonostante esista già un documento largamente condiviso dalle parti intervenute al tavolo del ministero, oggi si è ancora in attesa che il provvedimento inizi il suo iter normativo. Nel frattempo a causa di difficoltà nel rinnovo dei titoli, la nostra marineria rischia non solo di perdere competitività, ma di scomparire.
Il Collegio Nazionale Capitani ritiene che sia giunto il momento di una risposta istituzionale: i marittimi del diporto devono poter lavorare sia su bandiera italiana che estera, la loro formazione e i titoli professionali devono essere giustamente regolati, per avere pari dignità rispetto ai colleghi stranieri.
Al prossimo incontro di Venezia apriranno i lavori l'ammiraglio Raimondo Pollastrini (comandante generale Capitanerie di Porto) , Enrico Maria Puija (direttore generale Trasporto marittimo, ministero dei Trasporti), Carlo Lombardi (segretario generale Federazione del Mare); proseguiranno, tra gli altri, Dario Savino (responsabile del Collegio Nazionale Capitani per il diporto), Ugo Salerno (amministratore delegato Rina), Francesco Parlato (commissario straordinario Ipsema), Marcello De Donno (presidente Lega navale italiana) Giovanni Lanati (direttore Motorizzazione civile di Venezia).