Stampa
04
Feb
2010

TUTTE LE NOVITA' SULLA PATOLOGIA TROMBOEMBOLICA VENOSA

Pin It

Domani, venerdì 5 febbraio, e sabato 6 si svolgerà ad Arenzano (Genova - Grand Hotel Arenzano), a partire dalle ore  15.30, la quarta edizione del convegno “Controversie in Emostasi e Trombosi”. L'evento è organizzato da Giuliano Lo Pinto, Direttore S.C. Medicina Interna - Centro Trombosi - e Capo Dipartimento delle Medicine Generali, Specialistiche e del Pronto Soccorso dell’E.O. Ospedali Galliera.

Focus sulla patologia
La malattia tromboembolica venosa è una delle patologie più comuni del sistema circolatorio e rappresenta l’ostruzione o l’occlusione trombotica
di una vena del sistema venoso profondo che può essere causata da fattori acquisiti o da fattori genetici, spesso in combinazione tra loro.
Nei paesi occidentali si calcola sia la terza malattia cardiovascolare più comune, dopo la cardiopatia ischemica e l’ictus, con un caso ogni 1.000
abitanti.

“La ricerca oggi - spiega Lo Pinto- mette a disposizione farmaci sempre più efficaci e opportune tecniche di prevenzione. Obiettivo del convegno è
quello di creare un momento di riflessione per condividere esperienze e fornire a tutti gli specialisti un aggiornamento puntuale sulla materia”.

L’annuale corso di aggiornamento svilupperà, inoltre, le conoscenze in tema di anticoagulazione e sue complicanze emorragiche e si proporrà di
mettere a confronto esperienze mediche nella diagnosi e terapia della malattie tromboemboliche venose.
Nell'ambito del corso letture condotte da esperti del settore, discussione di casi clinici emblematici che porranno in evidenza problematiche controverse della pratica clinica quotidiana ed esami di vecchi e nuovi trials clinici rilevanti, per consolidare applicazioni terapeutiche e conoscerne nuove.