Stampa
11
Ago
2006

SABINA ROSSA SVELA CON AMORE LA VITA PRIVATA DEL PADRE GUIDO

Pin It

Sabina RossaHa raccontato Maria Teresa Meli sul "Io Donna",il magazine del Corriere della sera:"L'approccio è cauto e diffidente.Forse teme che con la scusa del libro scritto insieme con il giornalista Giovanni Fasanella -"Guido Rossa,mio padre"-Rizzoli- ci si intrufoli in tutte le pieghe della sua vita privata.Ma via via che la conversazione va avanti,la "tortura" (così chiama l'intervista) le sembra meno dura.Solo alla fine Sabina Rossa,neo senatrice DS,figlia di Guido l'operaio comunista ucciso dalle Brigate Rosse il 24 gennaio 1979,si scioglie.Ride e sorride ricordando quel padre che da bambina la incantava trasformando i sassi in caramelle".
"Lui aveva una venerazione per i bambini e spesso si fermava a giocare con noi nei giardinetti sotto casa.Ricordo che ci faceva raccogliere tanti sassolini e poi con una magia li trasformava in caramelle.Erano molto belle queste sue dimostrazioni d'affetto e di partecipazioni,questa sua voglia di esserci,nonostante il lavoro operaio in fabbrica dosse pesante e duro".
Oggi la leggenda di Guido Rossa è diventata un libro e un film. E nel nome del padre Sabina è entrata in Parlamento.