Stampa
28
Lug
2009

FINALBORGO. CONCERTO DELLA PIANISTA VALENTINA MESSA

Pin It

Ancora un concerto pianistico ai Percorsi Sonori 2009. Mercoledì 29 Luglio alle ore 21,30 presso i Chiostri di Santa Caterina a Finalborgo è la volta della giovane e brillante pianista Valentina Messa, che proporrà alcuni capolavori del repertorio classico romantico: la malinconica Sonata op. 10 n. 3 in Re maggiore di Beethoven, la suggestiva Vallée d’Obermann dalla raccolta degli Anni di pellegrinaggio di Liszt, e la impetuosa Fantasia op. 17 in do maggiore di Robert Schumann. Il concerto fa parte della serie dei concerti del mercoledì organizzati per i Percorsi Sonori dall’Accademia Musicale del Finale. Ingresso libero

 

Valentina Messa è nata nel 1979 a Udine dove ha intrapreso lo studio del pianoforte presso la Little Piano School diretta da Kim Wright, diplomandosi poi nel giugno ’99 al Conservatorio “B.Marcello” di Venezia sotto la guida del M° Giorgio Lovato ottenendo il massimo dei voti, la lode e la menzione speciale. Nel 1997 è stata ammessa alla frequenza della Scuola di Perfezionamento di Portogruaro nella classe del M° Piero Rattalino ottenendo nel settembre 2000 il Diploma di Concertismo.

Attualmente si perfeziona sotto la guida della professoressa Lidia Baldecchi Arcuri e del M° Piernarciso Masi, e nell’ottobre del 2007 ha conseguito il Diploma accademico di II livello con 110/110, lode e menzione speciale presso il Conservatorio N.Paganini di Genova, sotto la guida di Gianfranco Carlascio, Massimiliano Damerini e Claudio Proietti. Sta approfondendo lo studio del clavicembalo e del fortepiano presso il Conservatorio N.Paganini di Genova frequentando il Biennio superiore in Tastiere antiche sotto la guida di Barbara Petrucci.

Ha vinto numerosi primi premi e varie borse di studio, partecipando a concorsi pianistici nazionali ed internazionali, “Premio Beethoven” al Luciano Gante di Pordenone nel ’99, terza tra i pianisti segnalati al Premio Venezia 2000 e al Premio Nazionale delle Arti 2007, vincitrice dell’edizione 2005 del concorso indetto dalla Società Umanitaria di Milano, grazie al quale ha preso parte alla registrazione di un cd edito dalla Sarx Records.

Ha seguito inoltre lezioni, corsi e seminari tenuti da docenti ed artisti di chiara fama, come A. Specchi, I. Lo Porto, B. Petrushanskij, L.Gante, L. Lortie, A. Lonquich, P.Rattalino, S.Limongelli, S.Pedroni, T.Campagnaro, A.Nanut , K.Helwigg, J.-L Mansart, J.Achucarro, M. Damerini, B.Canino.

Si dedica con egual passione alla musica solistica e alla camerisica, dal duo pianistico (con Annamaria Sotgiu,con la quale nel 2005 ha vinto il secondo premio al concorso internazionale Twenty Fingers Città di Valmontone –Roma) al trio , quartetto e quintetto, collaborando con giovani strumentisti come Lorenza Borrani, Giorgio Casati, Katsumi Nagaoka, Ermir Abeshi, Giovanni Matteo Brasciolu, Michelangiolo Mafucci, Sara Spirito, Arianna Dotto e Maurizio Bavastro. Tiene concerti fin dall’età di tredici anni in prestigiose sedi italiane ed estere (Soc. Umanitaria di Milano, Scuola Superiore Normale di Pisa, Centre d’animation culturelle – Forbach/Francia, Amici del Nuovo Carlo Felice e Auditorium Casa Paganini – Genova, Theater Trier – Germania, Les Amis de la musique de Vendôme, Albenga- Palazzo Oddo, G.O.G. Genova ). E’ attiva anche sul versante della musica contemporanea, ha eseguito in prima assoluta, nel 2007, 3 Recipes for a Prodigal Life di J.L.Greco e collabora quale esecutrice con la classe di Musica e Nuove tecnologie diretta da R.Doati al Conservatorio di Genova.

Ha preso parte nel 2006 a due dei Concerti dal vivo trasmessi da Radio Vaticana e ha più volte suonato come solista con l’Orchestra del Conservatorio N. Paganini di Genova, con l’Orchestra Filarmonica di Udine,con l’Orchestra di Padova e del Veneto e ripetutamente con la Philarmonische Orchester der Stadt Trier (con cui ha debuttato nel marzo 2008 la Rapsodia su tema di Paganini di Rachmaninoff), riscuotendo sempre grande successo di pubblico e di critica, e ottenendo l’invito per suonare nella prossima stagione con i Türinger Sinfoniker diretti da Oliver Weder.