Stampa
09
Apr
2007

GENOVA AL TEATRO DELLA TOSSE IN SCENA TRAKATAP

Pin It
da giovedì 19 a sabato 21 aprile
sala Aldo Trionfo
Trakatap
con
Néstor Busquets
Pepe Doménech
Roser Font
Ludovico Hombravella
Joan Miquel Pérez
Ruben Pérez
Toni Sans

Prima nazionale

Per tre soli giorni, da giovedì 19 a sabato 21 aprile, in prima nazionale al Teatro della Tosse Trakatap: energia a colpi di tacco, uno scroscio ritmato e violento di note danzate, come suggerisce il titolo onomatopeico.

Direttamente da Barcellona tre musicisti, compositori dei pezzi originali, e quattro ballerini sono i protagonisti di uno spettacolo che gioca con la tecnica del tip tap accostandola ad un poliedrico panorama di sonorità eseguite rigorosamente dal vivo e ad un’interpretazione di carattere. Primo esplosivo lavoro di questa compagnia che da il nome al titolo, è una sorta di omaggio al tip tap. I ballerini Ludovico Hombravella, Ruben Pérez e Toni Sans, in scena con Roser Font, che firma le coreografie (e fa parte anche della Compagnia Tap Olé), danno prova di notevole perizia tecnica e sono in grado di far risuonare con medesima abilità tanto i tacchi di metallo quanto coperchi di bidoni o latte di vernice legati alle suole. Il trio jazz, composto da Néstor Busquets (percussioni), Pepe Doménech (contrabbasso) e Joan Miquel Pérez (pianoforte), conduce le stravaganti evoluzioni dei danzatori attraverso melodie che spaziano dal jazz, al soul, alla musica brasiliana, al funky.

Un sofisticato gioco di luci illumina i piedi dei danzatori e li “isola” ad un certo punto dal resto dei corpi degli interpreti, per sottolineare come nel tip tap, da soli, siano capaci di un’espressività e di un “raggio d’azione” inimmaginabile oltre che di una velocità sorprendente. E grazie ad uno stratagemma scenico li si vede trasformarsi da semplice, talvolta buffa e bisfrattata estremità del corpo a veri protagonisti del palcoscenico che si librano letteralmente in aria come farfalle corpacciute ma indubbiamente leggiadre.

Il tip tap, che gode di una insospettabile ma nutrita ed entusiasta platea di estimatori (ne è stato prova alla Tosse lo scorso gennaio anche il successo di Tapeire di James Devine) unito a molteplici mezzi espressivi – danza, canto, percussioni, recitazione- con spunti che miscelano trazione e contemporaneità, fanno di Trakatap uno spettacolo unico, fruibile a più livelli da un pubblico di tute le età.