Stampa
28
Set
2011

Tassazione transazioni finanziarie decisa dall'Europa è una svolta politica

Pin It

 altLa decisione europea di introdurre una tassazione sulle transazioni finanziarie ,che sarà formalizzata domani dalla commissione davanti al parlamento europeo, è una decisione epocale. E’ la prima volta che un livello sovranazionale come

 l’Unione europea decide di adottare un provvedimento di questa natura. Prima ancora di essere una tassazione è in realtà un provvedimento dicontrollo dei movimenti finanziari, perché così le transazioni finanziarie uscirano dall’ombra, e di scoraggiamento delle speculazioni, perché pur essendo una tassazione di lieve entità si cumula rapidamente per chi sposta i capitali in cerca di facili guadagni.

Naturalmente anche le entrate per le casse degli Stati sono importanti.

Dopo questa decsione europea dovrebbe essere posto il problema di un sistema di tassazione di questo tipo a livello mondiale, in particolare coinvolgendo Usa e Cina.

Comunque domani sarà un giorno importante perché questo è il primo vero provvedimento strutturale dopo la crisi del turbo capitalismo finanziario iniziata alla fine del 2007 e di cui stiamo ancora pagando pesantemente le conseguenze.
Il Governo italiano si è distinto per la sua inutilità anche su questo provvedimento, visto che il Ministro Tremonti ha dedicato le prime dieci pagine della sua relazione alla legge finanziaria del 2004 proprio per escludere tassativamente questo provvedimento che ora per fortuna (anche per la nostra) è adottato dall’Europa.

Il 2° Governo Prodi aveva questo punto nel programma ma purtroppo non ha avuto il tempo di completarne l’approvazione. Ora l’Europa ha deciso e questo è molto importante. W l’Europa ( di Alfiero Grandi)