Stampa
17
Lug
2012

Concerto a sostegno dell'ospedale San Paolo

Pin It

altSavona. Sabato 21 luglio i Babilonia Ethnic Band si esibiranno in un concerto oriental-rock-jazz a sostegno dell’Associazione Cresc.I. Con loro un ricco parterre di artisti uniti per regalare un sorriso alla Pediatria di Savona: special guests Ivan Cattaneo, Viola Valentino, Carlo Aonzo, Antonio

 Marangolo ed eccezionalmente Paul Glasse!
Oriente ed Occidente si incontrano, si mescolano in musica e diventano emozioni: dopo il successo dello spettacolo tenutosi lo scorso 26 maggio al Teatro Chiabrera di Savona, che ha visto la partecipazione straordinaria di Mariella Nava, sabato 21 luglio alle ore 21.00 tornano sul palco i Babilonia Ethnic Band per un concerto a tutto pop organizzato dall’Associazione Cresc.i Onlus.
Contesto esclusivo della serata sarà la Fortezza del Priamar che ospiterà la band savonese capitanata dal dottor Amnon Cohen, Direttore della Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale di Savona: solidarietà, emozioni,
{loadposition bruno-centro-contenuto
adrenalina e divertimento animeranno i vari momenti di uno spettacolo piacevolmente variegato, il cui obiettivo sarà raccogliere proventi devoluti all’Associazione Cresc.i. nell’ambito del progetto “Accoglienza in Ospedale” all’interno del Reparto di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale San Paolo.
Accanto ai Babilonia Ethnic Band si esibirà un ricco parterre di ospiti d’eccezione tra cui il frontman Roberto Tiranti, il talento jazz Chantal Saroldi, l’attore Nikolas Torselli, il sassofonista Antonio Marangolo (già sassofonista di Paolo Conte e attualmente di Francesco Guccini), il maestro Carlo Chiddemi con l’inaspettata orchestralità dei Big Cake & I tubofoni. Non mancherà il mandolino di Carlo Aonzo, il mostro sacro del mandolino accompagnato dalla figlia Cecilia (voce) e dal amico americano Paul Glasse, mandolinista Jazz di fama mondiale eccezionalmente a Savona. Chiuderanno la serata due istrioniche icone degli anni ’80: Ivan Cattaneo e Viola Valentino.
Ingresso ad offerta libera.